.
Annunci online

 
giugioni 
Un nome a caso - Mi faccio una domanda, mi do una risposta - giugioni@gmail.com
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Ultimi link inseriti
Giornalettismo
Il Fatto Quotidiano
Roberto Alajmo
Hollywood Party Radio3
Diritto alla rete
Abbot Ritorba
alessandrorobecchi
Vauro
Mulholland Dave
giannimaroccolo
Fronte Popolare per la Musica Libera
binario etico
videomakers
blog4you.tv
Officina Project
Malika Ayane
La Deriva di Gian Antonio Stella
Un Giallo Intestinale di Catia Grasso
Tafter. Cultura è sviluppo
Nigrizia
Storie100X100
Liberainformazione
wikio
chi è morto sul lavoro oggi
guerrillaradio
Michele Serra
Diego Bianchi "Zoro"
__________________
DAI GIORNALI ITALIANI
La Repubblica
Repubblica Palermo
Corriere della Sera
Il Sole 24 Ore
Il Messaggero
Il Mattino
Il Tempo
La Stampa
La Nazione
Il Resto del Carlino
L'Espresso
Panorama
Megachip

DA SINISTRA
Il Manifesto
Liberazione
L'Unità
Il Riformista
Carta

DA DESTRA
Il Foglio
Il Giornale
Libero

LINK DI VARIA NATURA
VoglioScendere
Sabina Guzzanti
Italiopoli - Il Blog di Oliviero Beha
Rivistaonline.com
Articolo21
Girodivite
Daveblog
PagineCreative
Radio Città del Capo
Psico Radio
Paolo Conte
Marco Paolini - Jolefilm
Blogsfere
Presspubblica
Documentaristi.it
Fionda la nana
cinema indipendente
CasaMia Blog
Cinecorriere
Nessuno Tv
Report
Beppe Grillo
Arcoiris Tv
Rita Borsellino
UVSTV - Universo Tv
Il portale del cinema digitale
Pippo Del Bono
Ascanio Celestini
Verità per Federico
Il caso Scafroglia
Il blog di Sandro Ruotolo
Il blog dei pizzini
Cristina Donà
Corrado Guzzanti
Itaca News - L'informazione di Claudio Fava
IlCalibano
Novamagazine
Carta canta di Marco Travaglio
Renato Franchi e Suonatore Jones
LavoriCreativi
The Blog Tv
Oblique
Agorà Vox

AGENZIE STAMPA
Asg Media
Ansa
Adnkronos
Agi
Reuters
Age
Asca
Italpress

I BLOG-AMICI DI GIUGIONI(in ordine casuale)
vignettebc
Culture metropolitane
d4rkcloud.
Talento sprecato
Luigi Rossi
Annadfrancia
Antonio Masotti
La Cassandra
Papacalura
Guarrillaradio di Vittorio Arrigoni
Mondella
CastenasoForever
Poverobucharin
StoStretto
eCarta
Io voto fuori sede
Lameduck
Interlex
Zancle
Bispensiero
  cerca


Morti sul lavoro.
Il premio "Cortosicuro"
di RaiNews24 alla storia
di Mircea Spiridon



Technorati Profile

Add to Technorati Favorites

Condividi


 

Diario | Politica | Sicilia | Opinioni | Cosa ha detto Berlusconi oggi? | Dal mondo | Culture | Giugioni News | Dai giornali |
 
Culture
1visite.

16 ottobre 2011

Gramsci contro il fanatismo (sempre attuale)

"Tutte le forze reali dello Stato, e specialmente le forze armate, intorno alle quali già si comincia a discutere, dovranno schierarsi definitivamente da una parte o dall'altra, imponendo la soluzione già delineata e concertata.

Quale deve essere l'atteggiamento politico e la tattica del nostro partito nella situazione attuale? 
La situazione è «democratica» perché le grandi masse lavoratrici sono disorganizzate, disperse, polverizzate nel popolo indistinto. 

Qualunque possa essere perciò lo svolgimento immediato della crisi, noi possiamo prevedere solo un miglioramento nella posizione politica della classe operaia, non una sua lotta vittoriosa per il potere. 

Il compito essenziale del nostro partito consiste nella conquista della maggioranza della classe lavoratrice, la fase che attraversiamo non è quella della lotta diretta per il potere, ma una fase preparatoria, di transizione alla lotta per il potere, una fase insomma di agitazione, di propaganda, di organizzazione. 

Ciò naturalmente non esclude che lotte cruente possano verificarsi, e che il nostro partito non debba subito prepararsi e essere pronto ad affrontarle, tutt'altro: ma anche queste lotte devono essere viste nel quadro della fase di transizione, come elementi di propaganda e di agitazione per la conquista della maggioranza.

Se esistono nel nostro partito gruppi e tendenze che vogliano per fanatismo forzare la situazione, occorrerà lottare contro di essi in nome dell'intiero partito, degli interessi vitali e permanenti della rivoluzione proletaria italiana." 

Antonio Gramsci (da la Questione Meridionale)




 



Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. gramsci lavoratori forze armate

permalink | inviato da giugioni il 16/10/2011 alle 20:15 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

18 aprile 2011

Gramsci sull'Unità d'Italia

"L'Unità d'Italia non è avvenuta su basi di uguaglianza, ma come egemonia del Nord sul mezzogiorno. Il Nord concretamente era una "piovra" che si è arricchita a spese del Sud e il suo incremento economico-industriale è stato in rapporto diretto con l'impoverimento dell'economia e dell'agricoltura meridionale".Il governo sabaudo fu una dittatura feroce che ha messo a ferro e fuoco l'Italia Meridionale e le isole, squartando, fucilando, seppellendo vivi i contadini poveri che scrittori salariati tentarono di infamare col marchio di briganti".

(Antonio Gramsci La questione meridionale )


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. gramsci unita d'italia

permalink | inviato da giugioni il 18/4/2011 alle 10:33 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

8 marzo 2011

Saviano a Che tempo che fa parla di Horcynus Orca di Stefano D'Arrigo

Saviano a Che temp che fa parla di Horcynus Orca di Stefano D'Arrigo nell'elenco delle 10 cose per cui vale la pena vivere





permalink | inviato da giugioni il 8/3/2011 alle 12:26 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

6 febbraio 2011

Vota Pericle

Qui ad Atene noi facciamo così.

Qui il nostro governo favorisce i molti invece dei pochi: e per questo viene chiamato democrazia.

Qui ad Atene noi facciamo così.

Le leggi qui assicurano una giustizia eguale per tutti nelle loro dispute private, ma noi non ignoriamo mai i meriti dell’eccellenza.

Quando un cittadino si distingue, allora esso sarà, a preferenza di altri, chiamato a servire lo Stato, ma non come un atto di privilegio, come una ricompensa al merito, e la povertà non costituisce un impedimento.

Qui ad Atene noi facciamo così.

La libertà di cui godiamo si estende anche alla vita quotidiana; noi non siamo sospettosi l’uno dell’altro e non infastidiamo mai il nostro prossimo se al nostro prossimo piace vivere a modo suo.

Noi siamo liberi, liberi di vivere proprio come ci piace e tuttavia siamo sempre pronti a fronteggiare qualsiasi pericolo.

Un cittadino ateniese non trascura i pubblici affari quando attende alle proprie faccende private, ma soprattutto non si occupa dei pubblici affari per risolvere le sue questioni private.

Qui ad Atene noi facciamo così.

Ci è stato insegnato di rispettare i magistrati, e ci è stato insegnato anche di rispettare le leggi e di non dimenticare mai che dobbiamo proteggere coloro che ricevono offesa.

E ci è stato anche insegnato di rispettare quelle leggi non scritte che risiedono nell’universale sentimento di ciò che è giusto e di ciò che è buon senso.

Qui ad Atene noi facciamo così.

Un uomo che non si interessa allo Stato noi non lo consideriamo innocuo, ma inutile; e benchè in pochi siano in grado di dare vita ad una politica, beh tutti qui ad Atene siamo in grado di giudicarla.

Noi non consideriamo la discussione come un ostacolo sulla via della democrazia.

Noi crediamo che la felicità sia il frutto della libertà, ma la libertà sia solo il frutto del valore.

Insomma, io proclamo che Atene è la scuola dell’Ellade e che ogni ateniese cresce sviluppando in sé una felice versalità, la fiducia in se stesso, la prontezza a fronteggiare qualsiasi situazione ed è per questo che la nostra città è aperta al mondo e noi non cacciamo mai uno straniero.

Qui ad Atene noi facciamo così.

 

Pericle - Discorso agli Ateniesi, 461 a.C.



Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. pericle atene

permalink | inviato da giugioni il 6/2/2011 alle 22:4 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa

18 gennaio 2011

Gramsci e gli operai Fiat

Gramsci: "Uomini in carne ed ossa". Le lotte in Fiat nel 1921


Questo scritto di Gramsci si riferisce agli avvenimenti della primavera 1921, quando a Torino, in seguito all'annunciato licenziamento di più di mille operai, le maestranze Fiat e Michelin entrano in sciopero. Gli industriali rispondono con la serrata degli stabilimenti e l'agitazione si conclude, agli inizi di maggio, con la sconfitta delle organizzazioni sindacali e il licenziamento di più di 3.500 lavoratori

Gli operai della Fiat sono ritornati al lavoro. Tradimento? Rinnegamento delle idealità rivoluzionarie? Gli operai della Fiat sono uomini in carne e ossa. Hanno resistito per un mese. Sapevano di lottare e resistere non solo per sé, non solo per la restante massa operaia torinese, ma per tutta la classe operaia italiana. 

Hanno resistito per un mese. Erano estenuati fisicamente perché da molte settimane e da molti mesi i loro salari erano ridotti e non erano più sufficienti al sostentamento familiare, eppure hanno resistito per un mese. Erano completamente isolati dalla nazione, immersi in un ambiente generale di stanchezza, di indifferenza, di ostilità, eppure hanno resistito per un mese. 

Sapevano di non poter sperare aiuto alcuno dal di fuori: sapevano che ormai alla classe operaia italiana erano stati recisi i tendini, sapevano di essere condannati alla sconfitta, eppure hanno resistito per un mese. Non c'è vergogna nella sconfitta degli operai della Fiat. Non si può domandare a una massa di uomini che è aggredita dalle più dure necessità dell'esistenza, che ha la responsabilità dell'esistenza di una popolazione di 40.000 persone, non si può domandare più di quanto hanno dato questi compagni che sono ritornati al lavoro, tristemente, accoratamente, consapevoli della immediata impossibilità di resistere più oltre o di reagire. 

Specialmente noi comunisti, che viviamo gomito a gomito con gli operai, che ne conosciamo i bisogni, che della situazione abbiamo una concezione realistica, dobbiamo comprendere il perché di questa conclusione della lotta torinese. 

Da troppi anni le masse lottano, da troppi anni esse si esauriscono in azioni di dettaglio, sperperando i loro mezzi e le loro energie. E' stato questo il rimprovero che fin dal maggio 1919 noi dell' "Ordine Nuovo" abbiamo incessantemente mosso alle centrali del movimento operaio e socialista: non abusate troppo della resistenza e della virtù di sacrificio del proletariato; si tratta di uomini comuni, uomini reali, sottoposti alle stesse debolezze di tutti gli uomini comuni che si vedono passare nelle strade, bere nelle taverne, discorrere a crocchi sulle piazze, che hanno frame e freddo, che si commuovono a sentir piangere i loro bambini e lamentarsi acremente le loro donne. 

Il nostro ottimismo rivoluzionario è stato sempre sostanziato da questa visione crudamente pessimistica della realtà umana, con cui inesorabilmente bisogna fare i conti. Già un anno fa noi avevamo previsto quale sbocco fatalmente avrebbe avuto la situazione italiana, se i dirigenti responsabili avessero continuato nella loro tattica di schiamazzo rivoluzionario e di pratica opportunistica. E abbiamo lottato disperatamente per richiamare questi responsabili a una visione più reale, a una pratica più congrua e più adeguata allo svolgersi degli avvenimenti. 

Oggi scontiamo il fio, anche noi, dell'inettitudine e della cecità altrui; oggi anche il proletariato torinese deve sostenere l'urto dell'avversario, rafforzato dalla non resistenza degli altri. Non c'è nessuna vergogna nella resa degli operai della Fiat. Ciò che doveva avvenire è avvenuto implacabilmente. La classe operaia italiana è livellata sotto il rullo compressore della reazione capitalistica. Per quanto tempo? Nulla è perduto se rimane intatta la coscienza e la fede, se i corpi si arrendono ma non gli animi. 

Gli operai della Fiat per anni e anni hanno lottato strenuamente, hanno bagnato del loro sangue le strade, hanno sofferto la fame e il freddo; essi rimangono, per questo loro passato glorioso, all'avanguardia del proletariato italiano, essi rimangono militi fedeli e devoti della rivoluzione. Hanno fatto quanto è dato fare a uomini di carne ed ossa; togliamoci il cappello dinanzi alla loro umiliazione, perché anche in essa è qualcosa di grande che si impone ai sinceri e agli onesti.

Antonio Gramsci 
"L'Ordine Nuovo", 8 maggio 1921


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. gramsci fiat

permalink | inviato da giugioni il 18/1/2011 alle 13:12 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
sfoglia
aprile